mercoledì 15 gennaio 2020

Acqua di Imbolc

Ho da poco inaugurato sulla pagina fb del Calendario Pagano una nuova iniziativa: il #sabatopagano. Si tratta di post settimanali con cui condivido ricette di incensi, tradizioni, curiosità, rimedi antichi, bagni rituali, ecc...
 
Questo sabato voglio condividere con voi una mia vecchia ricetta per preparare un'acqua celebrativa di Imbolc.

L'ingrediente principale è la neve, ma in caso non se ne avesse a disposizione si può utilizzare del semplice ghiaccio.

Accendete una candela bianca per tutta la durata della preparazione.
Ponete la neve (o il ghiaccio) in una ciotola di vetro appoggiata sopra alla corteccia di betulla. Va bene anche un piccolo ciocco oppure una fetta di legno, l'importante è che siano di betulla. Mettete il tutto al sole o accanto a una finestra in modo che riceva la luce solare.
Una volta ottenuta l'acqua aggiungete un pizzico abbondante di sale e benedite come da vostra abitudine. Poi aggiungete 3 gocce di o.e. di olibano e mescolando visualizzate l'intento che volete operare con la celebrazione di Imbolc.
Se avete una Croce di Brigit ponetela sopra la ciotola e caricate l'acqua.
Una volta finito versatela in una boccetta di vetro e conservatela per la celebrazione.

Potete utilizzare questa acqua per purificare voi stessi o la vostra casa, per bandire le negatività, per consacrare i vostri oggetti o come offerta a Brigit.


Testo protetto da Copyrighted.com e da Creative Commons.


mercoledì 1 gennaio 2020

Bilancio del 2019

Vorrei condividere con voi il bilancio dell'anno appena trascorso insieme.

Il 4 dicembre 2018 ho postato il traguardo dei 4.000 fan e un anno più tardi, lo scorso dicembre 2019, ho raggiunto e superato i 14.000 fan: cioè diecimila fan in un solo anno di attività senza alcun tipo di azione pubblicitaria, in un settore di nicchia come quello pagano e per di più culturale. E visto che oggi siamo alle soglie dei 17.000 c'è da stappare una bella bottiglia di spumante!

Ci sono stati tre avvenimenti degni di nota nel 2019: l'iniziativa "il Calendario risponde" alla quale avete partecipato a centinaia! E a dire il vero alcuni di voi stanno ancora aspettando il video-risposta delle domande più interessanti. Abbiate pazienza, ogni promessa è debito per me, lo farò appena possibile.

Poi il giveaway per il raggiungimento dei 10.000 fan: è stato un successo incredibile: 18 creativi pagani si sono adoperati per regalare un oggetto, un libro o una lettura di Tarocchi ai tre vincitori, i quali sono stati estratti tra più di 300 partecipanti! (Per favore andate a guardare l'album delle loro opere e date un like alle loro pagine)

Infine il Ceppo di Yule: mi sono arrivati più di 250 messaggi a dir poco emozionanti... desideri, auguri, speranze, amore, progetti... insomma un vero turbine di meravigliosa umanità.

E poi i vostri messaggi e commenti durante l'anno: il vero supporto a questo mio lavoro, anzi, a questa mia immensa passione. Ricevere domande, suggerimenti, dubbi, richieste e, perché no, anche le critiche (possibilmente costruttive) è il carburante più potente che ci sia. Grazie di cuore.

Voglio ringraziare anche i miei collaboratori: Mauro Ghirimoldi per i post sui Loa e per il supporto sulla storia religiosa greco romana.
Elena Salatin per il sui post sulle Rune, finalmente descritte come si deve.
Federica Schiavi per i post sulle 12 Notti e per la sua dolcezza.
Ci tengo a ringraziare anche le ragazze con cui collaboro al progetto Le vere origini di Halloween - Sarah, Alys e Morgana - per le dritte con cui mi aiutano durante i restanti 11 mesi dell'anno (ottobre è off-limits!) e un grazie in più a Morgana, aiutante integerrima sul profilo Instagram del Calendario Pagano: cosa farei senza di te?!

Per tutto questo - e per mille altre cose ancora - GRAZIE di cuore a tutti quanti per essere qui a fare un piccolo angolo di cultura e una grande compagnia a me.

Vi *prometto* di terminare il libro in questo anno venturo e vi garantisco un altro giro di Ruota strepitoso, all'insegna della cultura pagana!

Monica



giovedì 12 dicembre 2019

Rito collettivo del Ceppo di Yule

Come molti di voi sapranno, il rito del Ceppo di Yule prevede che nove giorni prima del solstizio d'inverno si prenda un grosso ceppo da tenere in casa e che ogni ospite sia invitato a legargli intorno un bigliettino di carta con su scritto un desiderio, un augurio o un buon proposito per il nuovo anno. Il giorno di Yule il ceppo viene arso nel camino insieme ai bigliettini, con l'auspicio di buon esito.

Così ho deciso di farlo anch'io accogliendo tutti i vostri messaggi. Dal 12 al 18 dicembre inviatemi in pvt (su facebook) il vostro biglietto, io penserò a stamparlo e a legarlo al ceppo che brucerò il 19 dicembre nel mio caminetto, insieme a erbe e resine caricate per lo scopo.

P.s.: naturalmente garantisco la più totale privacy rispetto a ciò che scriverete.


lunedì 25 novembre 2019

Intervista su Radio Milazzo

Il 31 ottobre, in occasione di Halloween, sono stata intervistata dal simpaticissimo Francesco Anania di Radio Milazzo. Abbiamo parlato della natura della festa, di come si è evoluta, del progetto "Le vere origini di Halloween" e di alcune curiosità.

Per ascoltare il podcast non vi resta che cliccare qui: podcast.radiomilazzo.it/31-10-19/MonicaCasalini


sabato 19 ottobre 2019

Una zucca da paura!

L'anno scorso mi sono sporcata un po' con una bella zucca che ho piantato io stessa a marzo nel mio giardino.
Jack o'Lantern è una figura leggendaria della tradizione irlandese, che trae origini dall'antico culto dei morti celtico. Infatti era abitudine mettere una rapa cava fuori dalla finestra con una candela all'interno, affinché i propri defunti ritrovassero la strada di casa per tornare a far visita durante la notte di Samhain. Quando i primi coloni inglesi sbarcarono in America, portarono con sé anche il proprio bagaglio folkloristico. Ma siccome in America non c'erano le rape, essi utilizzarono le zucche, che invece crescevano in abbondanza. 

E ora, passo passo, tutti i consigli per rendere la vostra zucca più bella e soprattutto più duratura.

Dai semini piantati a marzo, a luglio era già così grande!



Eccola alla fine di settembre

Prendete la vostra zucca e mettetela sul piano di lavoro. Preparate coltelli di varie misure, un cucchiaio, un piatto di plastica, una matita, un taglierino ben affilato, un limone, uno spremi-agrumi, un batuffolo d'ovatta e un po' di olio di oliva

Con una matita disegnate grossolanamente la faccia che volete ottenere

Per prima cosa tagliate il coperchio con un coltello robusto


Io lo faccio a stella, ma potete tagliarlo rotondo, quadrato o come vi pare

Aiutandovi con un cucchiaio tirate via la polpa interna della zucca e i semi

Scavate bene con il cucchiaio togliendo tutti i filamenti e la polpa dalle pareti. Quando avrete finito questa operazione dovreste avere più o meno questo risultato



Con un coltello più fine cominciate a ritagliare la faccia

Fate questa operazione delicatamente, soprattutto se avete una zucca con le pareti sottili


Ora, con un taglierino, incidete le parti della "buccia" che volete togliere per dare un'ulteriore disegno al volto

Con estrema delicatezza togliete la prima parte della buccia, fino a che non vedete il giallo sotto

Piano piano continuate con tutte le parti che volete eseguire

Alla fine dovreste avere una cosa di questo tipo

Ricordate di spremere un limone, aggiungerci un paio di gocce di estratto di semi di pompelmo e di spennellare questo succo su tutte le parti prive di buccia e soprattutto all'interno. Questo renderà la polpa chiara e ne preverrà la formazione di muffa

Poi prendete un batuffolo d'ovatta e imbevetelo di olio di oliva e passatelo su tutta la parte esterna. L'olio renderà lucida la buccia e il colore sarà più intenso. All'interno invece spruzzate un po' di alcol per mantenerla più a lungo.

Una volta assorbito l'olio, la zucca sarà meno unta ma sempre lucida

Alla fine del lavoro occorre solo aspettare la notte...

...per godersi la bellezza dell'atmosfera!












lunedì 7 ottobre 2019

La piaga del plagio


Con questo post voglio chiedere a voi tutti cosa pensate del plagio letterario.
 
Giorni fa mi sono imbattuta in un articolo scritto da una certa Caterina Lenti per il sito Meteoweb e lo stile mi è subito sembrato molto famigliare... già perché era il mio. La tizia in questione ha pensato bene di copiare di sana pianta alcuni dei capitoli dell'"Agenda della Mela 2014" che ho scritto per Brigantia Editrice e di farci il suo tornaconto firmandoli a proprio nome. Non un accenno su di me o sulla casa editrice (e tantomeno sulle immagini utilizzate). Quello che vedete nelle foto più sotto è uno solo, ma ha copiato anche il capitolo sul solstizio estivo e chissà quanti altri (ancora non ho finito di controllare).
Io capisco benissimo la parafrasi dei testi, il 90% delle tesi universitarie sono parafrasi. Ma qui c'è di mezzo un libro a cui è stata cambiata solo qualche parola qua e là, giusto per sfuggire alle leggi sul plagio.
 
Insieme a Noemi Lombardo, titolare di Brigantia, abbiamo deciso di contattare il sito in questione per segnalare la cosa e far rimuovere gli articoli o almeno di inserire i crediti. Dopo un primo momento in cui sembravano collaborativi alla fine ci hanno risposto picche. Gli articoli sono ancora lì.
Prima di prendere ulteriori decisioni legali, adesso ci divertiamo un po' a dimostrare quanta poca professionalità vanta quel sito e la loro "autrice" (ragazzi miei, lo metto tra parentesi perché copiare il lavoro altrui la ritengo una cosa davvero becera, non degna di un vero autore). Leggete e ditemi voi se questo non è plagio.
 
Testo originale del mio libro

Testo di Caterina Lenti per Meteoweb
 

P.s.: se volete dare una mano alla nostra causa condividete questo post oppure partecipate alla mailbombing! Scrivete a info@meteoweb.eu chiedendo di rimuovere gli articoli di Mabon e del solstizio estivo firmati da Caterina Lenti, copiati dal libro "Agenda della Mela 2014" edito da Brigantia Editrice.
Mi raccomando niente insulti, solo la richiesta di rimozione. I due link sono:
Mabon - http://www.meteoweb.eu/2017/09/ratto-di-proserpina/972727
Solstizio - http://www.meteoweb.eu/2018/06/solstizio-destate-2018-significato-storia-riti-tradizioni-leggende-italia/1111803

Potete anche aiutarci a segnalare i due post incriminati su Facebook:
Mabon: https://www.facebook.com/meteoweb/posts/1671137859584089
Solstizio: https://www.facebook.com/meteoweb/posts/1575088872522322
 
Grazie a tutti per l'aiuto!

mercoledì 11 settembre 2019

Intervista su Radio Deejay

E' con immenso piacere che vi annuncio la mia intervista su Radio Deejay, all'interno della trasmissione Catteland, di Alessandro Cattelan, domani alle 12:35.

Parleremo dell'equinozio autunnale e dei vari simboli della festa, nei 5 minuti radiofonici a disposizione.

Potete ascoltare l'intervista via radio, via web (www.deejay.it) o via app. In ogni caso posterò il podcast nei prossimi giorni.

Vi aspetto numerosi ✌️